Serie C: i migliori giovani della stagione

La stagione 2018/2019 di Serie C sta per volgere alle battute finali, con play-off imminenti e qualche verdetto già messo in cassaforte. Andiamo a vedere però quali sono i giovani che si sono distinti particolarmente in quest’annata di Lega Pro. Chiaramente ci affidiamo alla parole degli esperti in materia di Tutto C, che hanno dedicato al tema una vera e propria rubrica. Scopriamo quindi i migliori talenti di ogni girone.

Serie C: Roberto Biancu – Girone A

Nel primo girone si è messo in luce questo ragazzo di 19 anni, che conta già più di 50 presenze tra i professionisti. Nato come trequartista, è diventato un giocatore tutto campo. Il ragazzo ha già debuttato sia in Coppa Italia che in Serie A con la maglia del Cagliari. I rossoblu lo hanno poi parcheggiato all’Olbia, con cui si è messo in luce quest’anno (si tratta per lui già della seconda stagione con la casacca bianca). Si prospetta quindi un imminente ritorno al Cagliari, magari come sostituto del partente Barella.

Serie C: Salvatore Esposito – Girone B

Arrivato in prestito dalla SPAL, con la maglia del Ravenna si è contraddistinto grazie ad un talento cristallino. Subito titolare, già dalle prime battute. E dire che siamo alla prima vera esperienza tra i professionisti, con 19 anni ancora da compiere. Il classe 2000 era partito come trequartista, per poi diventare un mediano davanti alla difesa. Nonostante la posizione più arretrata però, le doti offensive non lo hanno abbandonato: nelle 10 presenze stagionali, 2 volte è andato anche in gol, mentre nelle altre occasioni se non ha giocato è stato per infortunio.

Serie C: tanti nomi – Girone C

Il bello viene qui: non un nome, bensì quattro. Cerchiamo però di fare una quadra dei prescelti:

  • Eugenio D’Ursi: classe 1995, fuori dai nostri abituali schemi ma da inserire per par condicio. Ed anche perché ha segnato 13 gol in 29 presenze (con i due in Coppa Italia siamo a 15). La chiamata per la Serie B non è utopia.
  • Luca Germoni: 22 anni ancora da compiere, si è fatto notare con la maglia della Juve Stabia. L’esperienza non manca: ha già vestito le maglie di Ternana, Perugia e Parma, totalizzando più di 50 presenze in Serie B.
  • Riccardo Gatti: ennesimo possibile crack di scuola Atalanta, questo centrale di difesa classe 1997 si è preso il suo spazio nel Monopoli. Quindici presenze ed un gol con la Vibonese c’è certificano la qualità. Tornerà alla Dea?
  • Joao Silva: non solo Italia, diamo un occhio anche gli stranieri. Classe 1998, portoghese, è stato preso dal Trapani da svincolato e sembra aver avuto la sua rivincita. Diciotto le presenze in stagione, a testimonianza di un talento, forse, abbandonato a sé stesso troppo presto.