(Corriere dello Sport – Guido D’Ubaldo) – Bruno Conti per sempre. L’ex campione del mondo ha rinnovato il contratto. Ieri la società giallorossa lo ha annunciato con una nota ufficiale. Il dirigente del settore giovanile e la Roma ancora insieme. Bruno continuerà ad occuparsi del coordinamento tecnico delle attività relative alle rappresentative che vanno dalla Under 14 alla Under 10.

Conti è alla Roma da una vita, esordì giovanissimo da calciatore in prima squadra nel 1973 e a parte due parentesi di due anni in prestito al Genoa è stato sempre alla Roma.

Brino da anni segue il settore giovanile con passione, competenza e umiltà. E’ felice per questo riconoscimento da parte della società, che arriva a 67 anni: “Ringrazio il direttore Vergine e più in generale la Società per la fiducia che hanno riposto nei miei confronti. Da parte mia è un piacere enorme per contribuire ancora alla crescita del settore giovanile, proseguendo nel lavoro di base sul territorio, che ho sempre svolto con passione ed entusiasmo” .

Conti ha scoperto tra gli altri De Rossi, Aquilani, Florenzi, Pellegrini, e da ultimo Zalewski. Vincenzo Vergine è al comando del settore giovanile da esattamente un anno, sta raccogliendo i risultati del suo lavoro: “Sono felice di poter contare sulle capacità di Bruno nell’ambito del processo di individuazione e valorizzazione dei talenti che offre il nostro territorio. In una società che riconosce l’identità come un valore e vuole essere costantemente vigile sulle realtà che circondano la Capitale, ritengo essenziale il contributo che Bruno potrà continuare ad offrire”. Sono tanti i giocatori scoperti ai quali conti è rimasto legato. In particolare c’è Pellegrini, che gioca con la sua stessa maglia, la numero sette: “Non è solo per una questione affettiva, ma è difficile non restare estasiati davanti al capitano della Roma Lorenzo Pellegrini”.