L’ultima partita ufficiale di Hachim Mastour risaliva al dicembre 2018, con la maglia del Lamia. Nel marzo 2019 la società greca, praticamente a sua insaputa, gli rescisse il contratto lasciandolo senza squadra. L’ennesima occasione della carriera sembrava ormai alle spalle, così come i sogni di gloria spenti troppo presto. Per mesi Mastour ha cercato una nuova squadra, arrivando anche ad allenarsi con le giovanili del Parma. I ducali però alla fine non gli hanno offerto alcun contratto, ed il ragazzo marocchino, naturalizzato italiano, pareva ormai al capolinea.

Hachim Mastour, a Reggio Calabria per rimettersi in gioco

D’improvviso però, il colpo di scena. Mastour firma con la maglia della Reggina fino al 2022. Il classe 1998 ripartirà quindi dalla Serie C, per quello che sembra l’ennesimo treno della sua carriera.

Mastour? Un’operazione per noi importante perché crediamo nel suo talento e nella sua voglia di rivalsa. Quindi siamo tutti convinti, mi consenta la battuta: se il magazziniere non lo fosse, domani ci attiveremo per strappare il suo assenso“, ha spiegato con una battuta Massimo Taibi, direttore sportivo degli Amaranto, a Fox Sports.

Reggiana, Malaga, PEC Zwolle, Lamia ed ovviamente Milan, da dove la favola del nuovo fenomeno era partita, illudendo tutti. Tante le squadre con cui il ventunenne ha giocato nonostante la giovane età, troppe quelle con cui ha deluso. A Reggio avrà il dovere di riscattarsi e dimostrare che, nonostante qualcosa sia andato storto, forse c’è ancora tempo per riscrivere la storia. La sua, magari più sul campo, magari meno televisiva.