Appie Nouri: una carriera che prometteva bene

Una vita nell’Ajax, cresciuto facendosi tutta la trafila nelle giovanili. Poi il debutto tra i professionisti nel marzo 2015, in un match di Eereste Divisie, secondo campionato olandese, contro il VVV-Venlo. Quella stagione collezionò 19 presenze, segnando anche un gol. Un centrocampista dalle doti tecniche oltre la media, specializzato soprattutto nei calci da fermo. Ma l’anno della consacrazione per Appie Nouri fu quello 2016/2017. Altre importanti prestazioni gli valsero spesso la convocazione anche in prima squadra. Esordì contro l’Excelsior, nell’ottobre 2016, trovando però la sua prima marcatura coi grandi in una partita di coppa olandese contro il Willem II. La ciliegia sulla torta fu il premio come giocatore dell’anno della Serie B olandese, ottenuto dopo un campionato da protagonista in Primavera. Eppure, quando stava per arrivare il salto definitivo, il tempo, il suo tempo, si è fermato.

Appie Nouri: l’aritmia improvvisa ed i sogni spezzati

L’orologio si è rotto esattamente un anno fa. Era l’8 luglio 2017. L’Ajax aveva da poco cominciato la preparazione alla stagione successiva, e scendeva in campo per un’amichevole contro il Werder Brema. Una partita che apparve tranquilla, ma al minuto 72 accade l’impronosticabile. Abdelhak Nouri, più affettuosamente Appie, si accasciò improvvisamente al suolo. Fortuna che i soccorsi arrivarono subito e si presero cura di lui. Con l’aiuto di un defibrillatore e il supporto di elicottero, l’arrivo in ospedale sembrò poter tranquillizzare tutti. D’altronde, il cuore non si era fermato. Eppure, la diagnosi fu crudele. L’aritmia cardiaca avrebbe causato al ragazzo danni permanenti, come poi confermato dalla società di Amsterdam con un comunicato ufficiale. “L’Ajax è profondamente triste nel dover annunciare che a Nouri è stato diagnosticato un danno dal punto di vista cerebrale grave e permanente. I nostri pensieri e le nostre preghiere vanno a lui e ai suoi familiari in un momento così difficile”. Una carriera interrotta quindi bruscamente, sul più bello.

Appie Nouri: Kluivert non ti ha dimenticato!

È quindi da un bel po’ che l’ormai ex calciatore di origini marocchine non scende più in campo. Ma qualcuno ha ancora vivo il ricordo del grande legame di amicizia fraterna che si era creato sul prato verde. Stiamo parlando di Justin Kluivert, nuovo calciatore della Roma e suo vecchio compagno di squadra all’Ajax. Il figlio d’arte ha infatti scelto di vestire con la Lupa la maglia numero 34, la stessa di Nouri. E proprio con una nota attraverso i suoi canali social ha voluto ufficializzare la cosa. “Perché il 34? Il numero di Appie. Le mie preghiere e il numero di maglia per te, mio ​​amico-fratello che mi hai insegnato tanto”, è quanto si legge su Instagram. Una dedica che ha toccato parecchi animi, ricordandoci a malincuore quanto la vita talvolta può essere crudele.

Fonte immagine principale: sito web ufficiale AFC Ajax