Il Milan trionfa nella finalissima del 29° Memorial Gaetano Scirea

Mister Giuseppe Misso festeggia alla grande il proprio ritorno sulla panchina dell’Under15 rossonera dopo la parentesi da collaboratore tecnico in Primavera della passata stagione. Da calciatore centrocampista cresciuto nelle giovanili del Milan, sarà sicuramente contento del roboante 6-1 che il suo Milan ha stasera inflitto al Torino nella Finale del 29° Memorial Gaetano Scirea di Cinisello Balsamo (Milano).

 

FINALE PRIMO E SECONDO POSTO: MILAN-TORINO (ORE 21)

PREMESSE AL MATCH

Formazione tipo o quasi per ambo le formazioni: la voglia di portare a casa il trofeo è grande in ambedue le formazioni. Torino reduce dalla vittoria di ieri ai calci di rigore sull’Atalanta e Milan che ha regolato per 1-0 la Lazio grazie ad un gol di Zeroli.

LA GARA

Il Milan si è mostrato superiore e meritatamente vincitore del torneo, per quanto nel primo tempo i granata fossero stati in grado di pareggiare l’iniziale gol dell’ucraino cresciuto in Italia Vladislav Nahrudnyy, tra i talenti più puri dell’intera manifestazione e capocannoniere della manifestazione con 6 reti messe a segno. E’ infatti Gerarca, grazie ad una scivolata da vero bomber, a pareggiare al 13′ il gol dell’esterno mancino rossonero.

La ripresa vede però un Milan che schiaccia il proprio avversario, con il Diavolo che chiude con un punteggio tennistico. Si scatena il centravanti Mangiameli, più di manovra rispetto al prolifico Longhi, in panchina anche stasera nonostante le ben quattro segnature siglate nel corso di questa kermesse. Il quarto gol lo sigla Nahrudnyy dopo un clamoroso errore del centralone granata Gallea, che perde clamorosamente palla di fronte alla propria area di rigore in occasione di un disimpegno in apparenza abbastanza semplice.

Il Toro sembra non esserci più, ed il Milan ne approfitta siglando un paio di reti su calcio di punizione. C’è infatti gloria anche per Benedetti (46′) e del centrocampista tascabile Nava (61′). Ad onor del vero va sottolineato come il portiere Alloi non sia stato perfetto in quest’ultima occasione, ma il punteggio era ormai pienamente a favore dei ragazzi di Misso.

Il Milan festeggia il gol del 5-1 firmato da Benedetti

 

FORMAZIONI

TORINO: Alloi, Prete, Coletta, Serra, Gallea, Biriboc, Ciammaglichella, Gerarca, Scariano, Jarre, Omorogbe
A disposizione: Gamerro, La Rosa, Manissero, Rossi, Desimone, Tahiri.
All. Menghini

MILAN: Torriani, Casali, Piantedosi, Paloschi, Malaspina, Tonon, Nahrudnyy, Nicotra, Mangiameli, Zeroli, Benedetti.
A disposizione: Lionetti, Bartesaghi, Varicchio, Cecotti, Perucci, Gramignoli, Sala, Longhi, Parmiggiani.
All. Misso

FINALE TERZO E QUARTO POSTO: ATALANTA-LAZIO 1-2 (ORE 19,45)

PREMESSE AL MATCH

Entrambe le squadre opta per un turnover abbastanza importante rispetto a quanto visto finora nel corso del torneo: il terzo posto non interessa più di tanto a Rocchi e Gambirasio

LA GARA

L’Atalanta passa in vantaggio grazie ad un bel tiro di Orlando, una novità in questo Memorial Scirea. La Lazio non demorde e trova prima il pari allo scadere del primo tempo grazie ad un gol del centravanti di scorta Reddavide (turno di riposo per il bomber Brasili), apparso però nella circostanza in fuorigioco chilometrico. L’assistente, perfettamente in linea, non alza la bandierina. La prodezza che decide il match e porta la medaglia di bronzo sulla strada della Capitale è del capitano di serata Marco Oliva, bravo a battere Sala con un eccezionale punizione scagliata dai 30 metri.

FORMAZIONI

ATALANTA: Sala, Tornaghi, Previtali, Ascagni, Donzelli, Grumo, Comi, Barbisoni, Orlando, Mingolla, Vavassori.
A disp:
Illipronti, Niccolai, Ferraroli, Coati, Palestra, Lanfranchi, Guerrini, Cenetti.
All. Gambirasio.

LAZIO: Polidori, Iobbi, Polanco Angustia, Oliva, Fabris, Petta, Zanchetta, Di Venanzio, Reddavide, Giubrone, Carratelli
A disp:
Magro, Dutu, Milani, Troise, Rossi, Brasili
All. Rocchi

 

PREMI INDIVIDUALI

La giuria del Memorial Scirea ha premiato alcuni dei calciatori messisi in maggiore evidenza tra le Semifinaliste: Guerrini (Atalanta), Troise (Lazio, scelto come miglior interprete dell’intera kermesse), Dutu (Lazio), Ciammaglichella (Torino), Malaspina (Milan), Tonon (Milan).

CAPOCANNONIERE: Vladislav Nahrudnyy (Milan, 6 reti)