L’Inter sconfigge per 2-1 la Roma in rimonta ed accede alla finalissima del Campionato Under 16.
Vittoria in quel di San Mauro Pascoli per la banda di Bonacina, che potrebbe far centrare un grande tris al settore giovanile nerazzurro dopo Primavera e Under 15.

 

-Pregara Bonacina esclude a sorpresa Sakho, scegliendo la formula di Cancello più avanzato rispetto al solito.
Confermata anche l’esclusione dall’undici titolare di Guedbegue, rientrato dopo un infortunio e a cui è stato preferito il brasiliano (cresciuto a Breda di Piave) Alcides Dias.
Nella Roma Travaglini rileva Ciervo in un ballottaggio che spesso aveva coinvolto i due nel corso della stagione.

PRIMO TEMPO


Pronti via e la Roma è già avanti grazie alla rete di Bove su assist di Cancellieri. Due giri di lancetta e l’Inter trova il gol del pari grazie al solito Esposito, tra i migliori 2002 d’Italia senza alcun dubbio. Giocatore completo ed in grado di sfruttare al meglio la propria classe anche lontano dalla porta, gli si può prospettare un futuro davvero radioso.

La gara è tesissima e l’Inter sfiora il gol con Oristanio al 15′. Sul ribaltamento di fronte è solo la traversa a dire no al tiro di Cancellieri. Bravissimo, nella circostanza, Filip Stankovic (figlio del grande Dejan e con un talento davvero importante tra i pali).

L’Inter mette pressione e trova il gol a pochi secondi dal duplice del primo tempo grazie ad un destro di Oristanio.

 

SECONDO TEMPO

La ripresa vede la Roma soffrire l’iniziativa di un Inter maggiormente sicura dei suoi mezzi, che però rischia sul colpo di testa debole di Muteba al 6′.
E’ poi ancora Stankovic a salvare il risultato sulla bellissima punzione di Zalewski, fantasiosa mezzala d’attacco di origine polacca (ma cresciuta a Tivoli).
Proprio lo stesso Zalewski sale di tono e tutta la Roma prova a schaicciarsi nella metà campo avversaria. Il tiro del subentrato Antenori muore alto di poco sulla traversa della porta nerazzurra al 72′, per il rammarico dei capitolini.

Nel mentre l’Inter provava a rispondere con un’inzuccata di Pirola sugli sviluppi di corner: palla colpita bene ma mira non precisissima.
Per rispondere agli attacchi dei ragazzi di Falsini gli avversari cercando di sfruttare il gioco di rimessa.
Ci sarebbe la chance per chiudere la pratica a quattro minuti dall’80’, ma Barazzetta scivola sul pallone a tu per tu con Trovato.
La Roma si getta nell’attacco finale a testa bassa e, dopo un colpo di testa tentato dal positivo Cancellieri, trova il salvataggio clamoroso di Pirola in estirada nella propria area poco prima della fine del tempo regolamentare.

Dopo sei minuti di recupero l’arbitro Chimara fischia la fine. Venerdì sera, a Forlì, la Roma affronterà la vincente della seconda semifinale, in programma stasera tra Atalanta e Juventus.

 

INTER (4-3-1-2): Stankovic, Alcides Dias, Cortinovis, Pirola,Dimarco; Wieser (82′ Mirarchi), Boscolo,Oristanio (53′ Barazzetta), Wieser; Cester; Cancello (67′ Sakho), Esposito.
A disp.: Priori, Guedegbe, Airoldi, Simic, Sangalli, Bonfanti. All.: Bonacina.

ROMA (4-3-3): Trovato, Muteba,Buttaro, Ciucci, Suffer; Bove, Tripi (73′ Silvestri), Cancellieri, Zalewski; Cancellieri, Milanese (65′ Antenori), Travaglini (53′ Ciervo).
A disp.: Rossi, Tomassini, Dicorato, Morichelli, Carlucci, Astrologo. All.: Falsini.

MARCATORI: 1’pt Bove (Rm), 3’pt Esposito (In), 37′ pt Oristanio