Nel secondo impegno del Gruppo C, l’Italia viene sconfitta 3-1 dalla Repubblica Ceca, più cinica, grintosa e determinata degli Azzurrini che, ora, sono chiamati alla vittoria contro la Germania (impegnata questa sera contro la Danimarca) per sperare ancora nella qualificazione alle semifinali.

TOP 

CHIESA: 6,5 Tra i più positivi sicuramente l’esterno della Fiorentina. Entrato ancora una volta a gara in corso, dà brio alle corsie laterali sebbene sia raddoppiato o triplicato sistematicamente.

BERARDI: 6 Bene per il gol, tra i pochi a salvarsi là davanti. Anche se le sue ‘pause’ durante la partita alimentano i dubbi della Roma che non pare così disposta ad investire 40 milioni per il suo cartellino:

FLOP 

DIFESA: 4,5 Prestazione da rivedere per l’intero reparto difensivo. Conti (5,5) spinge tanto (forse troppo) ma dietro l’Italia balla. Nel primo gol, lo scivolone di Rugani (4,5) permette a Travnik di battere Donnarumma (4,5). Il terzo è un capolavoro ma sulla seconda rete ceca si assiste ad uno slalom speciale senza opposizione. Ferrari (5) soffre Schick e Calabria (4,5) non dà manforte alla fascia.

PETAGNA: 4,5 Si batte, lotta, corre ma un attaccante deve principalmente segnare. E l’occasione non sfruttata a tu per tu con Zima, sull’1-1 rischia di pesare come un macigno.