Allo Stadio Breda di Sesto San Giovanni va in scena per la quattordicesima giornata del Campionato Primavera 1, la sfida tra i padroni di casa dell’Inter e la capolista Atalanta.

Formazioni

Inter: Dekic; Zappa, Nolan, Rizzo, Colombini; Schirò, Roric, Pompetti; Persyn, Adorante, Salcedo. All: Madonna

Atalanta: Carnesecchi; Zortea, Okoli, Guth, Girgi; Del Prato, Colpani, Cortinovis; Peli, Piccoli, Cambiaghi. All: Brambilla

Primo Tempo

La prima frazione si apre con grande intensità da entrambi le parti, con l’Atalanta che cerca di tenere il pallino del gioco, grazie alla manovra guidata da Cortinovis, e l’Inter che attende la squadra orobica nella propria area, pronta a ripartire in contropiede sfruttando la velocità di Salcedo. È proprio l’attaccante esterno nerazzurro a cercare il colpaccio in contropiede all’ottavo minuto, guadagnando un ottimo calcio di punizione, ma non riuscendo poi a sfruttare il piazzato.

Al quarto d’ora, sfruttando la momentanea superiorità numerica, gli ospiti riguadagnano un ottimo pallone sulla trequarti con Colpani; uno-due rapidissimo con Zortea e tiro in porta del centrocampista: la sfera, calciata potente, ma centrale, finisce tra le braccia di Dekic che in due tempi disinnesca il pericolo. Cambio di fronte due minuti più tardi con Salcedo che sfrutta il pallone perso da Cortinovis e va sul fondo, non riuscendo però a sfruttare l’azione e perdendo il controllo.

Al 19′ altra chance dell’Inter con Colombini che, servito bene da Salcedo, salta due giocatori bergamaschi e va al tiro, ma Carnesecchi è bravo a deviare e fortunato nel non trovare giocatori locali che potessero deviare la sfera in rete.

Al 25′ grandissima iniziativa personale di Peli che, al limite destro dell’area di rigore, dribbla Zappa con uno stupendo tunnel, serve al centro Colpani. Il tiro del centrocampista si scaglia sul palo e sulla ribattuta ci arriva proprio Peli che realizza il tap-in decisivo, ma per l’assistente dell’arbitro il gol va annullato per una posizione di offside.

Arriva la reazione dei padroni di casa con Schirò, che dai 25 metri scaglia un ottimo mancino, disinnescato efficacemente da Carnesecchi, nonostante un brutto intervento, stilisticamente parlando.

Torna avanti l’Atalanta con Piccoli che arriva a tu per tu contro Dekic. L’intervento decisivo è di Nolan, che chiude in maniera magistrale sull’attaccante orobico, rischiando l’autogol, ma allo stesso tempo disinnescando una chiarissima occasione da rete.

Dopo un avvio molto intenso, nella seconda parte della prima frazione di gara, che si chiude 0-0, i ritmi si sono inevitabilmente abbassati, con l’Atalanta che più volte è arrivata nell’area di rigore avversaria senza però riuscire a sfruttare al meglio gli ottimi palloni messi a disposizione da Colpani, autore ad ora di un’ottima prestazione.

Secondo Tempo

Riparte forte l’Atalanta che dopo soli 4 minuti si porta avanti grazie alla rete di Piccoli: l’attaccante atalantino viene servito nello stretto da un compagno e riesce a concludere in porta, battendo un incolpevole Dekic.

Al 60′ brutto errore di Nolan nel fraseggio che permette a Peli di recuperare un pallone interessante. È lo stesso centrale irlandese a mettere giù l’attaccante ospite, prendendosi il cartellino. Sul calcio di punizione successivo una mischia in area porta il direttore di gara a fischiare il penalty. Dal dischetto Colpani si fa ipnotizzare da Dekic. La parata del portiere locale dà la forza all’Inter per reagire, cercando il pareggio che difatti arriva un paio di minuti più tardi con un’azione in contropiede che coinvolge tutti e tre gli attaccanti in maglia nerazzurra: Salcedo lancia Adorante; il numero 9 serve dall’altra parte Persyn che riesce a concludere in porta la rete del momentaneo 1-1.

Ad una ventina di minuti dalla fine le squadre iniziano ad allungarsi e la situazione premia i milanesi che trovano un insperato vantaggio con Gavioli, bravo a sfruttare il cross proveniente dalla destra e a sorprendere Carnesecchi in uscita.

Ultimi minuti di gara frenetici con tante azioni da entrambe le parti: Atalanta che cerca di trovare il pareggio, Inter che tenta di ripartire in contropiede, ma dopo quattro minuti di recupero il risultato finale è di 2-1.