La redazione di FootballScouting vi presenta uno Speciale Ligue 1, alla luce della partenza del Campionato in Francia questa sera.

Il campionato di Ligue1 è ormai alle porte, l’AS Monaco di Leonardo Jardim dovrà difendere il titolo conquistato nella passata stagione da moltissime squadre che, con la sessione di mercato ancora in corso, hanno stravolto completamente gli equilibri delle proprie rose. I diversi club francesi, però, hanno dalla loro la forza e la pazienza di saper lavorare con i giovani del proprio vivaio e riescono ad inserirli in prima squadra in maniera graduale e positiva. Anche quest’anno sono molti i “baby” integrati nelle squadre maggiori e con questo speciale andremo a segnalare le possibili rivelazioni nate dal ’97 in poi.

SPECIALE LIGUE 1 – PORTIERI

L’unico che attualmente può giocarsi un posto da titolare a questa giovane età è Alban Lafont. Il classe ’99 è l’estremo difensore del Tolosa che nella passata stagione ha giocato per tutto il campionato ricoprendo un ruolo di protagonista. Dupraz in questo precampionato lo ha alternato con Goicoechea ma l’ex Roma sembrerebbe essere dietro nelle gerarchie rispetto al talentino francese.

SPECIALE LIGUE 1 – DIFENSORI CENTRALI

Le certezze: quasi scontati sono i nomi di Issa Diop (’97) e Malang Sarr (’99, CLICCA QUI PER IL SUO PROFILO). Il primo, in forza al Tolosa, è stato al centro di molti rumors di mercato per via dell’ottima annata della passata stagione. La sua permanenza per un altro anno potrebbe essere molto importante per fargli trovare la consacrazione. Stesso discorso valido anche per il difensore del Nizza. Favre nello scorso campionato gli ha concesso continuità ed è stato uno degli artefici centrali della storica qualificazione della squadra in Champions League. La sua duttilità a ricoprire anche il ruolo di terzino è sicuramente molto importante e a soli 18 anni ha ancora molti margini di miglioramento.

La possibile rivelazione: chi potrebbe essere una vera sorpresa di questa Ligue1 è Eboa Eboa dell’EAG . Felix è un nuovo acquisto per il Guingamp, il difensore è nato nelle giovanili del PSG e vista l’età avanzata di Kebrat (31) e Sorbon (33) che ricoprono lo stesso ruolo, potrebbe essere una giusta soluzione di freschezza e potenza fisica per Kombouaré.

SPECIALE LIGUE 1 – TERZINI

Sulle corsie laterali il campionato francese offre un certo numero di giocatori da tenere sotto la lente di ingrandimento. Il primo è Faitout Maouassa (’98) del Rennais. L’ex Nancy si è trasferito di recente per quasi €7 M, l’ottima seconda parte di campionato della passata stagione gli hanno concesso la possibilità di fare un ulteriore salto di qualità a la sua capacità nel giocare in più ruoli lungo la fascia di sinistra è sicuramente un valore aggiunto per il tecnico Christian Gourcuff.

Chi sulla sinistra potrebbe crescere per via dell’eccellente lavoro che sa fare con i giovani Bielsa è il classe ’97 Fodé Ballo-Touré. Di piede mancino, in questa pre-season è stato utilizzato più volte e l’ex scuola PSG sembrerebbe contendersi un posto da titolare con Palmieri.

A destra la rivelazione potrebbe essere chi vincerà il ballottaggio interno nel Tolosa tra Clément Michelin (’97) e Kelvin Amian (’98). Il secondo sembrerebbe essere leggermente in vantaggio, la costanza con cui ha giocato nella passata stagione rispetto al primo è significativa ma nelle amichevoli di precampionato Michelin ha trovato spazio e chissà se non ha convinto Dupraz a fargli cambiare idea.

SPECIALE LIGUE 1 – CENTROCAMPISTI

La qualità in mezzo al campo non è un ingrediente mancante al campionato di Ligue1. Thiago Maia (’97) del Lille è il nome che stuzzica di più la curiosità degli addetti ai lavori visto che il brasiliano è passato al corte di Bielsa per €14M. Si tratta di un giocatore abbastanza completo ma è tutto da vedere se riuscirà ad imporre le qualità viste con la maglia del Santos.

La sorpresa potrebbe chiamarsi Christopher Nkunku, centrocampista classe ’97 del PSG. Sicuramente non partirà tra i titolari ma con il mercato ancora in evoluzione e il fatto che i parigini dovranno competere su più fronti, il francesino potrebbe ricucirsi lo spazio necessario per dimostrare le sue qualità intraviste nella passata stagione.

Chi sarà invece in cerca di conferme è Maxime Lopez dell’OM. Il classe ’97, con l’arrivo di Rudi Garcia, si è impossessato delle chiavi del centrocampo e le sue geometrie sono fondamentali per l’equilibrio dei marsigliesi.

Discorso a parte per Lucas Tousart (’97) del Lione, nonostante la sua giovane età sembrerebbe di vedere un giocatore già esperto nel suo ruolo, che sa quello che fa e che riesce a essere il giusto collante tra difesa e attacco con il suo lavoro  “sporco” .

Chi sarà in cerca di consacrazione in questa stagione è Ludovic Blas dell’EAG. Il talentuoso ’97 si appresterà a giocarsi forse l’annata centrale e cardine della sua carriera, ha già dimostrato di essere un centrocampista di grande tecnica e qualità e quest’anno può e deve ambire a qualcosa di più se vuole diventare un grande nel suo ruolo.

L’ultimo nome, non per importanza, è quello del neo acquisto da €25M del Monaco: Youri Tielemans (’97). Le sue enormi qualità sono conosciute da tutti, ottima visione di gioco, grande tecnica e molta personalità. Nel principato troverà l’ambiente giusto per poter esplodere e sopratutto diventare quello che molti lo hanno definito come uno dei talenti del futuro più importanti.

SPECIALE LIGUE 1 – ATTACCANTI ESTERNI

Gli esterni offensivi che offre il campionato francese sono delle vere e proprie frecce. Sono 5 gli under 20 in questo ruolo da tenere sotto osservazione: Ismaïla Sarr (’98), Jonathan Ikoné (’98), Yann Karamoh (’98), Allan Saint-Maximin (’97) e Malcom (’97)

Sarr è stato uno dei grandi colpi di questo mercato da parte de Rennais. Il senegalese è stato prelevato dal Metz per €17M e rappresenta un investimento davvero molto importante. Dotato di grande corsa, velocità, abile nel dribbling e nello sfornare assist ai compagni può essere un arma in più per qualunque squadra.

Ikonè, invece, è passato in prestito dal PSG al Montpellier. Può essere la giusta sorpresa, con Unai Emery nella passata stagione ha totalizzato 18 presenze molte se si considera con chi ha avuto a che fare per conquistarsi un posto da titolare. Dotato di grande corsa, gamba e fisicità anche lui può essere determinante a rompere gli equilibri durante il corso di una partita.

Per Yann Karamoh dobbiamo attendere la fine del mercato. L’esterno del Caen è richiestissimo da molti top club europei ma se il club decide di trattenerlo per un altro anno potrebbe maturare ulteriormente prima di fare il grande salto di qualità. Statistiche alla mano parlano del fatto che per il 40% il suo gioco è fatto di impostazione, ripiega molto in fase difensiva e non cerca spesso la conclusione a rete.

Il lavoro ottimale con i giovani dell’AS Monaco è davvero eccezionale ed il tutto è stato certificato dalla federazione che ha classificato i monegaschi al 2° posto per la formazione di giovani giocatori. Saint-Maximin, dopo due anni consecutivi di prestito, all’ Hannover prima e al Bastia poi, potrebbe quest’anno finalmente tentare di fare l’exploit. Il francese under 20 è dotato di grande corsa, velocità e della giusta imprevidibilità, qualità che possono servire a Jardim sopratutto quando dovrà affrontare squadre che si chiuderanno in difesa.

A Bordeaux invece c’è un brasiliano molto interessante che nei suoi primi due anni in Europa si è dimostrato essere uno dei profili con maggiori margini di miglioramento. Stiamo parlando di Malcom Filipe Silva de Oliveira, ala destra dotata di tecnica, velocità, dribbling, creatività,  di un buon tiro ed è prezioso nel rifornire assist ai compagni.

SPECIALE LIGUE 1 – PUNTE CENTRALI

Due scommesse in questo ruolo, due giovani attaccanti che dovranno conquistarsi la fiducia a suon di gol e di buone prestazioni. Il primo è Marcus Thuram (’97), filgio d’arte di Lilian Thuram, ex giocatore della Juventus. Il debutto tra i grandi è datato Marzo 2015 in Ligue 2 con la maglia del Sochaux ma le cose migliori le ha fatte intravedere con le giovanili. Quest’estate è diventato un giocatore del Guingamp, una società che ha fiuto con i giovani. Marcus è dotato di grande fisicità e velocità, non è una punta statica e riesce a non dare punti di riferimento alle difese avversarie.

Il secondo nome è quello di Ezequiel Ponce, attaccante di proprietà della Roma che quest’anno giocherà al Lille. Il classe ’97 nella passata stagione ha fatto esperienza nella Liga con la maglia del Granada totalizzando 25 presenze e soli 2 reti fatte. Con Bielsa l’argentino potrebbe trovare la giusta dimensione, parliamo della classica punta d’area che se ben servito può fare molto male.